Posso sapere quanto guadagnano le tue strategie?

By aprile 16, 2017FAQ

Una delle prime cose che spiego in questo progetto è che è la persona a produrre i risultati, non la strategia.

Mi chiedono quanto guadagnano le mie strategie. Rispondo sempre che se facessi vedere i miei risultati fornirei un ottimo espediente per far iscrivere gli utenti, ma farei un lavoro non proprio corretto nei confronti di chi dedicherà i prossimi mesi o i prossimi anni allo studio di questa materia. Questo perché non sono le strategie a produrre risultati, ma sono io. Pertanto non c’è nessuna garanzia che gli studenti possano produrre gli stessi risultati.

La stessa strategia affidata a 10 trader diversi, produrrà 10 risultati diversi. Questo semplicemente perché ognuno è diverso dall’altro.

Per queste ragioni nel progetto ci concentriamo per migliorare il valore di ogni singolo imprenditore, affinché possa fare le scelte migliori, nei momenti migliori. Se l’imprenditore è capace, avrà risultati migliori di altri, anche con le stesse strategie.

L’imprenditore di valore si dedica a studiare più degli altri, e si dedica a conoscere il mercato più degli altri. Da questo impegno si determina il valore e quindi i risultati.

Il risultato di un’azienda dipende dalle persone, non solo dalla strategia di marketing. La stessa strategia di marketing applicata in 10 imprese diverse produrrà 10 risultati diversi. Lo stesso vale per il trading.

Lavoriamo all’interno del progetto per migliorare i risultati degli studenti, affinché possano avere la certezza delle loro capacità. Questa è una base importante sul quale si fonda la competenza e l’autostima.

Join the discussion 8 Comments

  • stefano ha detto:

    Ciao Stefano. Sai che ti ho fatto qualche domanda nei giorni scorsi via mail, a volte “pesante” ma volevo capire meglio con chi avrei avuto a che fare nel prossimo futuro e voglio essere all’altezza di questa sfida. Per imparare ad essere imprenditori in questo settore in un arco di tempo di 2 anni minimo penso che sia piu’ che ragionevole. Per diventare un ottimo professionista riconosciuto nel mio settore ne ho messi 20 di anni! Attendo il via. Grazie dell’opportunità!

  • Mario ha detto:

    Ciao Stefano,

    Leggendo questa pagina mi sono venuti un po’ di dubbi.

    “Una delle prime cose che spiego in questo progetto è che è l’imprenditore a produrre i risultati, non la strategia.”
    I risultati sono prodotti dall’imprenditore che utilizza la strategia. Una strategia che cronicamente non funziona eseguita dal miglior trader del mondo non avrà alcuna possibilità di essere profittevole. O no?

    “Molti mi chiedono quanto guadagnano le mie strategie. Rispondo sempre che se facessi vedere i miei risultati fornirei un ottimo espediente per far iscrivere gli utenti, ma farei un lavoro non proprio corretto nei confronti di chi dedicherà i prossimi mesi o i prossimi anni allo studio di questa materia.”
    E perchè dovrebbe essere un lavoro scorretto? A mio avviso non sarebbe scorretto per nulla, anzi!
    Per chi compra un servizio di formazione che propone delle strategie sarebbe utile avere evidenza della performance pregressa, avendo ovviamente ben chiaro in mente che la performance pregressa non costituisce alcuna garanzia di risultati futuri.
    Senza una equity line reale e certificata delle strategie proposte nel corso come si fa capire se queste sono profittevoli oppure no?

    “Questo perché non sono le strategie a produrre risultati, ma sono io”
    Ma una strategia per essere considerata tale non deve poter essere identificata in modo oggettivo?
    Oggettivo vuol dire indentificare in modo preciso e univoco: definizione della strategia, evento scatenante della strategia, entry point, stop loss, profit target.
    Questi parametri sono forniti per le strategie insegnate nel corso?
    Se non è la strategia a produrre i risultati ma è l’imprenditore si deduce allora che il successo delle stategie proposte nel corso è interamente basato sulla componente discrezionale.
    E’ così? Se è così vuol dire che nel corso viene insegnata anche la parte discrezionale che a questo punto è quella più importante dalla quale dipende il successo della strategia?

    Scusami per il post prolisso ma essendo alle prime armi ho tanti dubbi e anche un po’ di confusione.
    Grazie in anticipo per le risposte e buona serata.

    Ciao
    Mario

    • Stefano Mastria ha detto:

      Come ho detto è l’imprenditore a rendere la strategia profittevole. La strategia deve rispettare i comportamenti del mercato e per principio non essere contro il mercato, altrimenti non sarà mai profittevole anche con il migliore degli imprenditori. Si tratta di un trading che prevede la partecipazione del trader. In base alle proprie scelte e alle proprie capacità si arriva ad un profitto. Infatti 10 imprenditori produrranno sempre risultati differenti.

      Nei piani di trading sono indicati tutti i passi necessari per applicare la strategia. Tutti i contesti, i setup, la gestione del rischio e dei profitti e le varie scelte possibili in base alle condizioni di mercato.

      Saluti

  • Mario ha detto:

    Perfetto. Grazie per la risposta che ha fugato ogni dubbio residuo.
    Direi che ci vediamo senz’altro al prossimo corso.
    A proposito. Le iscrizioni saranno aperte da domani, 28 aprile?

  • marco ha detto:

    ciao stefano io voglio diventare ricco in poco tempo…… come si fa?

Leave a Reply